Cesare Barbieri

Professore straordinario di Astronomia presso l’Università di Padova dal 1 ottobre 1973, e ordinario dal 1 ottobre 1976 fino al 30 settembre 2013. Professore emerito di Astronomia dal 1 ottobre 2013. Ha diretto l’Osservatorio Astronomico di Padova, il Telescopio Nazionale Galileo alle Canarie, la Scuola di Dottorato in Scienze e Misure Spaziali e la Scuola Galileiana di Studi Superiori dell’Università di Padova. E’ membro del comitato scientifico della Scuola di Studi Superiori G. Leopardi dell’Università di Macerata. E’ stato responsabile di vari progetti di ricerca nazionali, per la digitalizzazione degli archivi di lastre fotografiche, per lo studio dei corpi minori del sistema solare da terra e da spazio, per l’Astronomia ai limiti quantistici. E’ stato membro di vari comitati dell’European Southern Observatory ESO, dell’Agenzia Spaziale Europea ESA, della NASA. Si occupò della Halley Multicolour Camera a bordo della missione GIOTTO, conclusasi con la riunione a Padova delle agenzie spaziali europee, americane, sovietiche e giapponesi, e poi con una prima straordinaria udienza da San Giovanni Paolo II. Questo santo pontefice concesse una seconda udienza al termine dei lavori per il Telescopio Nazionale Galileo. Per la missione Rosetta, ha coordinato i lavori per due camere OSIRIS, che hanno ottenuto oltre 80.000 immagini della cometa Churiumov-Gerasimenko. Autore di numerose pubblicazioni divulgative e accademiche e di articoli scientifici.

Informazioni: sito web di Cesare Barbieri